Regione Umbria

Albo regionale medici tutori corsi in medicina generale Livello2

albo, medici tutori, corsi formazione, medicina generale, servizio sanitario

Elenco da cui si attinge per la nomina di medici tutori per i corsi di formazione specifica in medicina generale

Il diploma di medico di medicina generale si consegue a seguito di un corso di formazione specifica in medicina generale della durata di tre anni, riservato ai laureati in medicina e chirurgia abilitati all’esercizio professionale.

Il D.Lgs. n. 368/1999, come modificato dal D.Lgs. n. 277/2003, ha stabilito che l’attività didattica svolta dal medico che frequenta i corsi di formazione specifica in Medicina Generale venga seguita da tutori.

Pertanto, la Giunta Regionale con D.G.R. n. 7235/1995, ha istituito l’Albo Regionale dei Medici convenzionati con il servizio sanitario con la qualifica di tutori nei corsi di formazione specifica in Medicina Generale.

I Medici che intendono iscriversi nell’Albo dovranno possedere i seguenti requisiti:

• Iscrizione all’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di una delle province della Regione Umbria;

• Anzianità di almeno 10 (dieci) anni di attività convenzionata con Il Servizio sanitario nazionale;

• Titolarità di un numero di assistiti nella misura almeno pari alla metà del massimale vigente;

• Partecipazione a corsi di formazione riconosciuti dalla Regione Umbria.

La domanda di iscrizione all’albo va presentata compilando il modulo scaricabile e già predisposto.

Il modulo compilato deve essere trasmesso al seguente indirizzo PEC: direzionesanita.regione@postacert.umbria.it.

Costi

Non è previsto alcun pagamento, né di bollo o altre tipologie di tasse o quote di iscrizione.

Durata dell’iscrizione

Coloro che sono iscritti all’Albo regionale dei Tutori nei corsi di formazione specifica in Medicina Generale devono frequentare obbligatoriamente, ai fini della conferma dell’iscrizione nell’albo suddetto, specifici corsi di aggiornamento che hanno cadenza triennale.

L’iscrizione dura fino al pensionamento del medico, purché frequenti i corsi di aggiornamento.